top of page
jason-dent-w3eFhqXjkZE-unsplash.jpg
www(0).png
  • Marta Suardi

Vicini morosi: cosa fare?

Aggiornamento: 5 dic 2022

Noi del team Sarpi Immobiliare frequentemente riceviamo domande dai nostri clienti sul problema degli inquilini che non pagano le spese condominiali. Essendo il tema d’interesse vediamo di dare qualche suggerimento.



In un periodo di crisi come quello attuale, capita purtroppo sempre più spesso che nei condomìni ci siano condòmini che non pagano le spese comuni. In questi casi spetta all’amministratore agire in modo repentino.


Qual’è la procedura da seguire?


L’amministratore deve chiedere ai condomìni il pagamento delle spese non appena sia stato approvato il loro riparto dall’assemblea di condominio.


Se un condomino non paga, l’amministratore dovrà insistere al fine di ottenere quanto dovuto e se i solleciti non vanno a buon fine, dovrà far intervenire un avvocato per chiedere un decreto ingiuntivo esecutivo contro il condomino moroso.


L’assemblea di condominio, organo di vigilanza sull’operato dell’amministratore, può decidere di concedere più tempo al moroso per saldare il suo debito. Ma se ciò non avviene, l’amministratore ha l’obbligo di agire per la riscossione forzosa del credito entro 6 mesi dalla chiusura dell’esercizio.


L’amministratore che non dovesse prendere provvedimenti in tal senso può essere revocato senza preavviso e può essergli richiesto il risarcimento del danno. Anche un singolo condomino, in disaccordo con l’assemblea, può chiedere al giudice la revoca dell’amministratore.


Se non si riesce ad ottenere dal condomino moroso il dovuto, l’amministratore deve informare i creditori del condominio che non sono stati pagati fornendo loro i dati anagrafici dei non paganti. Questi dovranno agire prima contro i condomìni morosi e, solo in caso di insuccesso, anche contro tutti gli altri condomìni in regola con i pagamenti.


Nel momento in cui il creditore insoddisfatto si rivolge contro i condomìni in regola, lo deve fare in proporzione ai millesimi di ciascuno.


Il moroso che riceve il decreto ingiuntivo per gli oneri di condominio non pagati, ha 40 giorni per fare opposizione e a quel punto inizia una causa civile.


Al condomino moroso che non si oppone potrà essere pignorato lo stipendio, la pensione, il conto corrente o la casa.

65 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Acquistala all'asta!

shutterstock_1014982615-scaled.jpg
LOGO ASTAADVISOR(0).png

Se sei interessato a comprare

casa all’asta, sei nel posto giusto!

 

Asta Advisor semplifica il mondo delle aste grazie ad un team di esperti consulenti e professionisti del settore, in grado di fornirti l’assistenza tecnica e finanziaria necessaria per affrontare il procedimento esecutivo. 


Scopri di più su Asta Advisor...

Valutazione-gratuita-.jpg
sarpi logo .jpg
LOGO ASTAADVISOR(0).png
Logo-CBS-low.jpg
forma.png
  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco Instagram Icona

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Grazie per esserti iscritto!

www(0).jpg

CHI SIAMO

LEGAL

Privacy e Cookie

Termini e condizioni

unnamed.png
unnamed.png
ConfEsercenti_Partner.png

© 2023 by SG s.r.l. | Copyright © 2021 Capitale sociale € 200.000,00 i.v. - P.IVA 04135920967

POWERED BY

bottom of page